[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.basket

Allons enfants

Skuer

17/04/2019 14:01:23

Il prossimo turno vedrà l'inno italiano sostituito dalla marsigliese per
vicinanza ai transalpini dopo l'incendio della cattedrale.

Lasciando perdere facili moralismi e il politicamente corretto, mi
sembra una delle cose più stupide di sempre.

Perchè?
perchè ci sono mille motivi per essere "più vicini" a popoli sofferenti
di un monumento danneggiato.

Saluti, Skuer

9 Risposte

ruggero albarello

17/04/2019 15:01:45

0

Il giorno mercoledì 17 aprile 2019 16:01:25 UTC+2, Skuer ha scritto:
> Il prossimo turno vedrà l'inno italiano sostituito dalla marsigliese per
> vicinanza ai transalpini dopo l'incendio della cattedrale.
>
> Lasciando perdere facili moralismi e il politicamente corretto, mi
> sembra una delle cose più stupide di sempre.
>
> Perchè?
> perchè ci sono mille motivi per essere "più vicini" a popoli sofferenti
> di un monumento danneggiato.
>
> Saluti, Skuer

concordo in toto con te.. una ca..ta pazzesca, a mio avviso.
ciao, Ruggero

PG

17/04/2019 15:30:38

0

ruggero albarello wrote:
> Il giorno mercoledì 17 aprile 2019 16:01:25 UTC+2, Skuer ha scritto:
>> Il prossimo turno vedrà l'inno italiano sostituito dalla marsigliese per
>> vicinanza ai transalpini dopo l'incendio della cattedrale.
>>
>> Lasciando perdere facili moralismi e il politicamente corretto, mi
>> sembra una delle cose più stupide di sempre.
>>
>> Perchè?
>> perchè ci sono mille motivi per essere "più vicini" a popoli sofferenti
>> di un monumento danneggiato.
>>
>> Saluti, Skuer
>
> concordo in toto con te.. una ca..ta pazzesca, a mio avviso.
> ciao, Ruggero
>
Fu già fatto, almeno a Bologna, dopo gli attentati di Parigi del 13
novembre 2015.

PG

17/04/2019 15:32:25

0

Skuer wrote:
> Il prossimo turno vedrà l'inno italiano sostituito dalla marsigliese per
> vicinanza ai transalpini dopo l'incendio della cattedrale.
>
> Lasciando perdere facili moralismi e il politicamente corretto, mi
> sembra una delle cose più stupide di sempre.
>
> Perchè?
> perchè ci sono mille motivi per essere "più vicini" a popoli sofferenti
> di un monumento danneggiato.

Vero, però non è solo "un monumento", è uno dei simboli stessi della
Francia. Come se da noi succedesse la stessa cosa al Colosseo, o al
Duomo di Milano.

> Saluti, Skuer

Ciao,
Paolo

Skuer

18/04/2019 13:02:51

0


> Fu già fatto, almeno a Bologna, dopo gli attentati di Parigi del 13
> novembre 2015.

Attentati... morti... non pietre.
Almeno secondo me.

Saluti, Skuer

Skuer

18/04/2019 13:07:17

0


> Vero, però non è solo "un monumento", è uno dei simboli stessi della
> Francia. Come se da noi succedesse la stessa cosa al Colosseo, o al
> Duomo di Milano.

Secondo te i francesi farebbero suonare l'inno italiano se crollasse il
duomo di milano?
I Fioi dea Sud hanno emesso un comunicato dicendo che usciranno dal
palazzetto durante l'inno francese.

La soluzione migliore invece mi sembra questa:
"si potrebbe rispolverare un vecchio revival canoro:
â??Canteremo fino alla morte innalzando i nostri color, questo è il grido
che viene dal cuor... Alè, aleeeeè aleeeè Treviso Alè, aleeeè Treviso Alè�
(Base: La Marsellaise)"

Saluti, Skuer

PG

18/04/2019 14:31:08

0

Skuer wrote:
>
>> Vero, però non è solo "un monumento", è uno dei simboli stessi della
>> Francia. Come se da noi succedesse la stessa cosa al Colosseo, o al
>> Duomo di Milano.
>
> Secondo te i francesi farebbero suonare l'inno italiano se crollasse il
> duomo di milano?

Forse no, ma preferisco restare nel dubbio. ;)

Parlo per me, scusandomi in anticipo per l'OT: ci sono monumenti e
luoghi che non appartengono solo al popolo che (al momento) li possiede
ma a tutta l'umanità. Sono stato molto colpito da quanto successo a
Notre Dame, ma lo sarei stato anche se una cosa del genere fosse
accaduta alle piramidi di Giza, alla moschea blu di Istanbul, alla
cattedrale di Colonia, al Partenone, ecc. Poi possiamo discutere se
l'inno nazionale sia il modo più appropriato per dimostrare solidarietà.
Magari una raccolta di fondi per la ricostruzione potrebbe essere più
utile per dare un segno tangibile, anche solo una piccola somma potrebbe
aiutare.

> I Fioi dea Sud hanno emesso un comunicato dicendo che usciranno dal
> palazzetto durante l'inno francese.
>
> La soluzione migliore invece mi sembra questa:
> "si potrebbe rispolverare un vecchio revival canoro:
> â??Canteremo fino alla morte innalzando i nostri color, questo è il grido
> che viene dal cuor... Alè, aleeeeè aleeeè Treviso Alè, aleeeè Treviso Alè�
> (Base: La Marsellaise)"

La cantano/cantavano più o meno tutte le tifoserie italiane. La nostra
curva è un bel po' che non fa quel coro, ma per esempio i brindisini
l'hanno cantato al Paladozza domenica scorsa.

> Saluti, Skuer

Ciao,
Paolo

Skuer

18/04/2019 14:59:35

0


> Parlo per me, scusandomi in anticipo per l'OT: ci sono monumenti e
> luoghi che non appartengono solo al popolo che (al momento) li possiede
> ma a tutta l'umanità. Sono stato molto colpito da quanto successo a
> Notre Dame, ma lo sarei stato anche se una cosa del genere fosse
> accaduta alle piramidi di Giza, alla moschea blu di Istanbul, alla
> cattedrale di Colonia, al Partenone, ecc.

In realtà a me sembra che quel monumento non sia così "importante" come altri.
Provo a spiegarmi, per la mia sensibilità i monumenti simbolo sono altri: il
simbolo di Parigi e della Francia per me è la Tour eiffel, per dire.

Una cattedrale, seppur maestosa, non mi dà la sensazione che "meriti" tale
risonanza. Facendo un paragone, come se cadesse la Torre di Pisa o la Mole
Antonelliana.

I monumenti con risonanza "mondiale" mi sembrano davvero pochi.

Ma anche considerandolo il più importante monumento del mondo, il fatto
sarebbe comunque e sempre di meno rilevanza ripsetto alle molte stragi e morti
che meriterebbero più risonanza e più "omaggi" di questa.
Ma resta la mia opinione.

Saluti, Skuer

PG

18/04/2019 15:37:00

0

Skuer wrote:
>
>> Parlo per me, scusandomi in anticipo per l'OT: ci sono monumenti e
>> luoghi che non appartengono solo al popolo che (al momento) li possiede
>> ma a tutta l'umanità. Sono stato molto colpito da quanto successo a
>> Notre Dame, ma lo sarei stato anche se una cosa del genere fosse
>> accaduta alle piramidi di Giza, alla moschea blu di Istanbul, alla
>> cattedrale di Colonia, al Partenone, ecc.
>
> In realtà a me sembra che quel monumento non sia così "importante" come altri.
> Provo a spiegarmi, per la mia sensibilità i monumenti simbolo sono altri: il
> simbolo di Parigi e della Francia per me è la Tour eiffel, per dire.

Tutto sommato anch'io se mi chiedessero di dire il primo monumento
francese che mi viene in mente direi la tour Eiffel. Così come se mi
chiedessero di nominare il primo monumento spagnolo che mi viene in
mente direi l'Alhambra, per la Grecia il Partenone, per la Russia (dove
non sono mai stato) il Cremlino ecc.

Tuttavia per molti (non per me) l'identità europea coincide con quella
cristiana. Quindi un problema ad un importante edificio religioso ha
maggiore risonanza di uno di pari gravità ad un altrettanto importante
edificio civile. Soprattutto nell'attuale clima di diffidenza reciproca
(quando non vero e proprio odio) fra le diverse etnie e religioni, molti
hanno letto questo incendio come un evento simbolico (si è letto perfino
di "castigo divino").

> Una cattedrale, seppur maestosa, non mi dà la sensazione che "meriti" tale
> risonanza. Facendo un paragone, come se cadesse la Torre di Pisa o la Mole
> Antonelliana.
>
> I monumenti con risonanza "mondiale" mi sembrano davvero pochi.
>
> Ma anche considerandolo il più importante monumento del mondo, il fatto
> sarebbe comunque e sempre di meno rilevanza ripsetto alle molte stragi e morti
> che meriterebbero più risonanza e più "omaggi" di questa.
> Ma resta la mia opinione.

Per carità, si fa per parlare, poi non siamo tanto distanti come può
apparire, nel senso che capisco benissimo le tue obiezioni che in parte
condivido. Come sempre, lo stesso evento ha una maggiore o minore
risconanza mediatica in funzione della sua maggiore o minore vicinanza
(fisica o culturale) dal pubblico di lettori e spettatori e da quali
corde vengono toccate.

Faccio un esempio: un paio d'anni fa ci fu in Spagna un grave incidente
ad un pullman che trasportava studenti Erasmus di ritorno a Barcellona
da una gita a Valencia. Le vittime furono una decina fra cui alcune (mi
pare tre) italiane. Il fatto che le vittime fossero tutte (o quasi)
ragazze giovani e carine, fra cui alcune connazionali, ebbe grande
risalto sui media italiani. Se lo stesso incidente avesse riguardato un
pullman in Moldavia che trasportava delle badanti dirette in Occidente,
a malapena sui giornali italiani se ne sarebbe parlato in qualche
trafiletto.

> Saluti, Skuer

Ciao,
Paolo

DR

24/04/2019 17:29:51

0

On 4/18/19 3:07 PM, Skuer wrote:
>
>> Vero, però non è solo "un monumento", è uno dei simboli stessi della
>> Francia. Come se da noi succedesse la stessa cosa al Colosseo, o al
>> Duomo di Milano.
>
> Secondo te i francesi farebbero suonare l'inno italiano se crollasse il
> duomo di milano?
> I Fioi dea Sud hanno emesso un comunicato dicendo che usciranno dal
> palazzetto durante l'inno francese.

Allora i Fioi dea Sud sono dei sovranisti, che li chiamano così perché
fascisti non è più di moda.

Che poi anche a me non sembra abbia molto senso l'inno francese per
quello che, simbolo o non simbolo, comunque è un palazzo, non sono
persone. Però uscire... daì...

Davide.