[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.arti.fotografia

Leica M: nulla a che vedere con la fotografia

Erg Frast

15/04/2019 07:59:16

L'altro giorno ho preso in mano per la prima volta una leica M, una M2
per l'esattezza. Ero da un commerciante e ci stavo quasi facendo un
pensiero.
Razionalizzando però era evidente che la cosa non ha alcun senso.
Mettiamo anche che gli obiettivi leica M siano i migliori del mondo
(cosa affatto scontata), ebbene, una banalissima Rolleiflex T, con un
penosissimo Tessar (obsoleto obiettivo a 4 lenti, luminosità f/3.5), al
costo di 1/3 o 1/4 di quello della leica, darà sempre risultati
fotograficamente superiori per risoluzione, nitidezza ecc., senza
possibilità di confronto.
Mi si dirà che le leica nascono per altro: per avere una macchinetta
piccola, sempre in tasca, discreta e silenziosa... Ma ormai per quello
c'è il digitale. Vogliamo restare sulla pellicola? Ci sono ottime reflex
altrettanto piccole, con obiettivi altrettanto buoni, ormai praticamente
regalate (es. contax), con tutti i pregi delle reflex, che infatti a
partire dagli anni '60 hanno soppiantato tutte le macchine a telemetro.
Unico limite è che sono un pelino più rumorose, forse 4 o 5 dB.
Poi, detto tra noi, non credo proprio che un vecchio elmar o elmarit
possa essere superiore a un planar o distagon degli anni '80.

La verità è che le leica a telemetro sono un mero feticcio, oggetti su
cui si è costruito un mondo di speculazioni, ma al di la di questo
rimane poco o nulla.

Resta la bellezza di oggetti meccanici splendidamente costruiti, ben
progettati e realizzati, ma questo a ben vedere non ha nulla a che fare
con la fotografia.

EF

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com...

14 Risposte

massivan

15/04/2019 08:39:35

0

> "Erg Frast (lab)"

> L'altro giorno ho preso in mano per la prima volta una leica M, una M2 per
> l'esattezza. Ero da un commerciante e ci stavo quasi facendo un pensiero.
> Razionalizzando però era evidente che la cosa non ha alcun senso.
> Mettiamo anche che gli obiettivi leica M siano i migliori del mondo (cosa
> affatto scontata), ebbene, una banalissima Rolleiflex T, con un
> penosissimo Tessar (obsoleto obiettivo a 4 lenti, luminosità f/3.5), al
> costo di 1/3 o 1/4 di quello della leica, darà sempre risultati
> fotograficamente superiori per risoluzione, nitidezza ecc., senza
> possibilità di confronto.
> Mi si dirà che le leica nascono per altro: per avere una macchinetta
> piccola, sempre in tasca, discreta e silenziosa... Ma ormai per quello c'è
> il digitale. Vogliamo restare sulla pellicola? Ci sono ottime reflex
> altrettanto piccole, con obiettivi altrettanto buoni, ormai praticamente
> regalate (es. contax), con tutti i pregi delle reflex, che infatti a
> partire dagli anni '60 hanno soppiantato tutte le macchine a telemetro.
> Unico limite è che sono un pelino più rumorose, forse 4 o 5 dB.
> Poi, detto tra noi, non credo proprio che un vecchio elmar o elmarit possa
> essere superiore a un planar o distagon degli anni '80.

> La verità è che le leica a telemetro sono un mero feticcio, oggetti su cui
> si è costruito un mondo di speculazioni, ma al di la di questo rimane poco
> o nulla.

> Resta la bellezza di oggetti meccanici splendidamente costruiti, ben
> progettati e realizzati, ma questo a ben vedere non ha nulla a che fare
> con la fotografia.

> EF
>
> ---
> Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast
> antivirus.
> https://www.avast.com...


"massivan"

Portroppo l'introduzione della baionetta per le telemetro
Leica ha quasi chiuso un'epoca d'oro, quella del M39
che consentiva di avvitare allo stesso corpo obiettivi:
Leitz, Zeiss, Canon, Voigtlander, Nikon, Minolta
Staeble, Agfa, Gorlitz, e di molti altri costruttori che vi
aderirono.

Ora, dire che il Tessar è sgrauso mi sembra azzardato,
anche l'Industar che è il suo clone della URSS, consente
di ricavare immagini di qualità:

https://www.flickr.com/photos/alekskod/6688633553/in/photolist-bc3ZJa-cS1Yg9-hRW5pr-W7xwsP-26tryaE-2c1kQW2-23onkxp-ogqgqs-27zq2cx-nuUSsX-J9oTKd-5uCjV9-onYkGV-roCAiZ-X7LEbB-cEBi6q-p1GdUw-VepdtJ-bU4uUF-24AH4up-2dPXGmd-bbvzek-23uPw1d-NsBibX-W51r8x-X18JK8-26trxQS-roJWwE-VepbTj-7D3r4u-nbDzdw-24P8VqV-iYV6mB-287QLaS-ntbdyG-2avRuTi-QiGQH2-7U9FRH-eb9wtT-5YXpJo-5YXpCh-29sfXXE-6voA5S-dVxeRT-pZwUeM-nZ1JwE-e2nQDz-2b16AcZ-25E3...


https://www.flickr.com/photos/phototashiro/6840042424/in/photolist-bqr1iW-mL3wNR-22GD5hM-4JvugJ-2caog37-TVm57q-9EeAbC-25G4haN-GBkM8M-9q9JZW-wb5ymr-5k8Ctk-7UcsmG-7bRYaG-rZEh4W-9QDN7Y-a4QjGW-HsUBfj-5PQJvR-CKHVB-syqfbu-qseN3v-n6FDji-p9saP4-fBEvD6-pyCcWi-ffrewx-a3Hf4M-jvzhid-5YgZxF-7C4pXf-8mP7gP-ngrz8r-UQnSzJ-dqdpzn-frTsiw-2dh3WnH-bnKMGA-8SG1tt-4km9HQ-WFEZ36-UVu851-a3L6iJ-PvDvLG-SwFBQ7-SxgPtG-27zq4pi-bU4qiX-8U8...

Quindi, per la telemetro 35 mm la scelta consigliata
è la Zorki 4K che ha il telemetro nello stesso
visore dell'inquadratura e un comodo manettino
di ricarica. Per il resto resto è come una Leica "a vite".

Inoltre, non da problemi di lettura TTL con certi
obiettivi come capita alle telemetro con incluso
l'esposimetro, ne problemi di contatto tra tendina
e lenti retro-focali.


Don Diego

15/04/2019 10:14:48

0

On 4/15/19 8:59 AM, Erg Frast (lab) wrote:
> L'altro giorno ho preso in mano per la prima volta una leica M, una M2
> per l'esattezza. Ero da un commerciante e ci stavo quasi facendo un
> pensiero.
> Razionalizzando però era evidente che la cosa non ha alcun senso.
> Mettiamo anche che gli obiettivi leica M siano i migliori del mondo
> (cosa affatto scontata), ebbene, una banalissima Rolleiflex T, con un
> penosissimo Tessar (obsoleto obiettivo a 4 lenti, luminosità f/3.5), al
> costo di 1/3 o 1/4 di quello della leica, darà sempre risultati
> fotograficamente superiori per risoluzione, nitidezza ecc., senza
> possibilità di confronto.
> Mi si dirà che le leica nascono per altro: per avere una macchinetta
> piccola, sempre in tasca, discreta e silenziosa... Ma ormai per quello
> c'è il digitale. Vogliamo restare sulla pellicola? Ci sono ottime reflex
> altrettanto piccole, con obiettivi altrettanto buoni, ormai praticamente
> regalate (es. contax), con tutti i pregi delle reflex, che infatti a
> partire dagli anni '60 hanno soppiantato tutte le macchine a telemetro.
> Unico limite è che sono un pelino più rumorose, forse 4 o 5 dB.
> Poi, detto tra noi, non credo proprio che un vecchio elmar o elmarit
> possa essere superiore a un planar o distagon degli anni '80.
>
> La verità è che le leica a telemetro sono un mero feticcio, oggetti su
> cui si è costruito un mondo di speculazioni, ma al di la di questo
> rimane poco o nulla.
>
> Resta la bellezza di oggetti meccanici splendidamente costruiti, ben
> progettati e realizzati, ma questo a ben vedere non ha nulla a che fare
> con la fotografia.
>


guarda, fotografo sia con una rolleiflex (un 3.5f planar) che una M6.
premesso che non definirei "penosissimo" un 3.5 tessar, e che una T in
buone condizioni la paghi 500 euro, sono entrambe spendide realizzazioni
meccaniche e ottiche, ma con usi ovviamente differenti.
la leica resta piu' compatta, e con ottiche intercambiabili.
il digitale? beh quello rimpiazza tutto.. e niente, perche la resa a
pellicola resta diversa e riconoscibile, come diverso e' l'approccio e
la sensazione di fotografare con i due supporti.

anche la rolleiflex T costa varie volte il prezzo di una yashica mat 124.

sicuramente parte del prezzo di una leica (nuove e vecchie) e' dovuto
alla fama e alla storia del nome, ed e' giusto che sia cosi', ma non
toglie che siano ottime realizzazioni..
ho anche altre macchine a pellicola di quell'epoca (decennio piu' o
meno) e a volte fotogafo con una OM1 che e' un altra splendida macchina,
con un mirino che resta una gioia da usare, ma le ottiche OM per quanto
ottime e realizzate in maniera intelligente non sono a livello delle M
(che come giustamente dici costano almeno 3 volte il prezzo)
ho appena preso un 90 2.8 (tele emlarit m) a 300 euro in condizioni
pressoche perfette, non mi pare un prezzo poi' cosi' proibitivo (un 100
2.8 olympus si trova forse alla meta', ma avendolo, non ha la stessa
resa, anche se resta ottima).

ma lo stesso discorso vale per tutto, inoltre su materiale particolare
puo' aggiungersi una componente del prezzo dovuto alla collezionabilita'
dell'articolo.
anche una roleliflex 3.5F costa

non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
puoi fotografare anche con una scatola di cartone e un buco, ma
utilizzare un oggetto che cade in mano perfettaemnte e ti da una
sicurezza e un piacere di funzionamento assoluto, personanlemnte mi
mette in una condizione mentale differente e piu' predisposta a fare
foto che mi interessano.

Erg Frast

15/04/2019 10:36:11

0

Il 15/04/2019 12:14, marco ricci ha scritto:

> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
> progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.

Forse ricordiamo Monet per la marca di pennelli che usava e per le belle
sensazioni che gli davano?

C'è chi fa fotografie e chi colleziona pennelli!

EF

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com...

massivan

15/04/2019 10:54:10

0

> "marco ricci"

> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
> progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
> puoi fotografare anche con una scatola di cartone e un buco, ma utilizzare
> un oggetto che cade in mano perfettaemnte e ti da una sicurezza e un
> piacere di funzionamento assoluto, personanlemnte mi mette in una
> condizione mentale differente e piu' predisposta a fare foto che mi
> interessano.


"massivan"

Molti scambiamo "l'alta risoluzione" per qualche
cosa di definitivo nella fotografia, invece e' giusto
una opzione fisica non artistica.


massivan

15/04/2019 11:02:30

0

>> "marco ricci"

>> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
>> progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.


> "Erg Frast (lab)"

> Forse ricordiamo Monet per la marca di pennelli che usava e per le belle
> sensazioni che gli davano?
>
> C'è chi fa fotografie e chi colleziona pennelli!
>
> EF


"massivan"

Inoltre, oltre alle sensazioni personali che provocano
certi attrezzi fotografici, esiste "L'Inconscio tecnologico"
insito nella macchine (scoperto da Vaccari,) che, pare,
riesca a determinare in parte la fotografia.

Ho una compatta Leica Z2X con Vario-Elmar 35-70
e questa, a parte le lenti, fa dei rumori particolari che
una Pentax o una Minolta (che pure ho) non fanno;
rumori che ispirano in un certo modo.


Don Diego

15/04/2019 11:51:49

0

On 4/15/19 11:36 AM, Erg Frast (lab) wrote:
> Il 15/04/2019 12:14, marco ricci ha scritto:
>
>> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato
>> e progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
>
> Forse ricordiamo Monet per la marca di pennelli che usava e per le belle
> sensazioni che gli davano?
>
> C'è chi fa fotografie e chi colleziona pennelli!
>


io non colleziono ne pennelli ne fotografie..
bisognerebbe chiedere a monet se dipingeva con pennelli di merda, per
rispondere alla tua domanda

poi ripeto si puo' fotografare anche con uan scatola con un buco, e l'ho
anche fatto, e quindi?


fotografa con quello che ti appaga, continuo a non capire il senso del
tuo messaggio...

leica sono costruite bene e fatte con criteri di qualita' che molte
altre macchine non hanno, e come tale costano, se non ti sta bene
spendere quelle cifre ci sono un sacco di altre macchine nel mercato che
vanno benissimo


Don Diego

15/04/2019 11:54:46

0

On 4/15/19 12:02 PM, massivan wrote:
>>> "marco ricci"
>
>>> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
>>> progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
>
>
>> "Erg Frast (lab)"
>
>> Forse ricordiamo Monet per la marca di pennelli che usava e per le belle
>> sensazioni che gli davano?
>>
>> C'è chi fa fotografie e chi colleziona pennelli!
>>
>> EF
>
>
> "massivan"
>
> Inoltre, oltre alle sensazioni personali che provocano
> certi attrezzi fotografici, esiste "L'Inconscio tecnologico"
> insito nella macchine (scoperto da Vaccari,) che, pare,
> riesca a determinare in parte la fotografia.
>
> Ho una compatta Leica Z2X con Vario-Elmar 35-70
> e questa, a parte le lenti, fa dei rumori particolari che
> una Pentax o una Minolta (che pure ho) non fanno;
> rumori che ispirano in un certo modo.
>
>

esatto, il mezzo ha una sua identita' che inevitabilmente modifica
l'attitudine e la predisposizione del fotografo.


e lo stesso vale per tutti i settori artistici, conosco pittori che non
cambierebbero il loro sgabello o supporto per le tele per nulla al
mondo, scultori che mai lavorerebbero in un laboratorio e una fonderia
diversi da quelli a cui sono abituati..

Don Diego

15/04/2019 11:57:03

0

On 4/15/19 11:54 AM, massivan wrote:
>> "marco ricci"
>
>> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato e
>> progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
>> puoi fotografare anche con una scatola di cartone e un buco, ma utilizzare
>> un oggetto che cade in mano perfettaemnte e ti da una sicurezza e un
>> piacere di funzionamento assoluto, personanlemnte mi mette in una
>> condizione mentale differente e piu' predisposta a fare foto che mi
>> interessano.
>
>
> "massivan"
>
> Molti scambiamo "l'alta risoluzione" per qualche
> cosa di definitivo nella fotografia, invece e' giusto
> una opzione fisica non artistica.
>
>
gia'..

ragion per cui mi piace di piu' e faccio 'foto migliori' quando uso la
leica che non la olympus OM o la rolleiflex rispetto a una hasselblad..

sono mezzi che semplicemente mi danno piu' piacere e soddisfazione
nell'utilizzo meccanico..

per il lavoro, purtroppo, nel mio settore non posso non usare il
digitale, e per tutto il resto c'e' lo smartphone che va benissimo

Don Diego

15/04/2019 12:00:41

0

On 4/15/19 11:36 AM, Erg Frast (lab) wrote:
> Il 15/04/2019 12:14, marco ricci ha scritto:
>
>> non capisco poi cosa intendi con il dire che un oggetto ben realizzato
>> e progettato non ha nulla a che vedere con la fotografia.
>
> Forse ricordiamo Monet per la marca di pennelli che usava e per le belle
> sensazioni che gli davano?
>

monet come puoi leggere qui ci teneva molto ai suo pennelli, anzi li
modificava lui stesso per avere effetti particolari

https://www.stilearte.it/quali-pennelli-sceglievano-i-grandi-artisti-e-come-li-impugnava...


chissa', forse senza quoi pennelli non si sarebbe neppure seduto davanti
alla tela..


massivan

15/04/2019 12:36:47

0

> "marco ricci"

> per il lavoro, purtroppo, nel mio settore non posso non usare il digitale,
> e per tutto il resto c'e' lo smartphone che va benissimo


"massivan"

Nel 2013 mi sono applicato un pochino
allo smarphone e ho ricavato le prime sette di
questa breve serie:

https://www.flickr.com/photos/new_topography...