[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.nuoto

Le 10 regole dei "Nani Nantes" (così detti perchè bassi di statura, nulla a che spartire coi Rari Nantes vattelapesca ndr

MadLuke

11/04/2013 20:43:35

Il decalogo di un mio ex compagno di squadra del Team Lombardia. :-)

Ciao, MadLuke.

----------------------------------------------------------------

1) mai andare oltre ai 100 km per nuotare: oltre ai 100 km ci si muove solo per altre ragioni e qui Zorzut potrebbe aprire un forum con altre 10 regole. Tutti giù il cappello di fronte a Zorzut.
2) scegliere sempre gare pomeridiane: quando vedo il programma con scritto ad esempio Cremona inizio riscaldamento ore 8.00 rido forte e scuoto la testa…
3) modelli top: avere un modello nel nuoto professionistico non serve assolutamente a nulla, ma ti avvicina al mondo del nuoto. Ti piace Phelps? Scegli Phelps. Ogni tanto puoi pensare…e se con la mia tecnica avessi il corpo di Phelps? Andrei fortissimo…..? e se Phleps con la sua tecnica avesse il mio corpo…? Sarebbe un pippone…? Come puoi capire da te ovviamente questi sono solo pensieri malsani…Altra cosa è avere un modello top nel nuoto master: tipo Erich Persico…anche questo non serve assolutamente a nulla…in qualche raro momento di ubriachezza mentale penserai che non sono poi così tanti i secondi che vi separano….ma stai facendo pensieri disonesti e malsani ed è molto meglio non coltivarli…
4) modelli over: avere un modello appena sopra di te nel nuoto master è molto importante. Tipo nel mio caso Amendola. Lo vivi con rispetto. Sei pronto a perdere in ogni occasione. Quando però vinci lo sbeffeggi come se lo avessi sempre battuto in ogni gara dall’inizio dei tempi a quel momento…gli puoi mandare anche degli sms, anche tanti per ricordargli come è andata….Quando sei in formissima e lui è stanco puoi anche cercare di ingarellarti in allenamento. Il tuo scopo è infastidirlo.
5) Modelli under: avere un modello appena sotto di te nel nuoto master è fondamentale. Tipo nel mio caso Madluke. Batterlo ti rasserena e ti rimette comunque in pace con te stesso. La volta che capita che perdi…vai via veloce. Dedicati alla tua squadra di calcio, esci con gli amici a gozzovigliare. Il nuoto è solo un divertimento.
6) scegliere sempre almeno una gara faticosa: darà un senso alla tua giornata. Il numero di partecipanti alla gara inoltre scenderà drasticamente e come una meravigliosa magia potresti trovarti invece che 10° su 20…2° su 4 o 3° su 6…una volta mi è capitato anche 1° su 1…
7) gli ex agonisti: sono mostri, creature mutanti e pericolose, che tolleriamo a mala pena. Esseri che si nascondono nelle tenebre e si aggirano fingendo indifferenza a bordo vasca…Quasi tutti negano e se interrogati sbofonchiano qualcosa di un passato antico, che non ricordano più…ma sospetta sempre di tutti…. Forloni, Gallo, Mirachi, Gussoni.….questi esseri odiosi hanno la capacità di migliorarsi in pochi mesi, sconvolgendo tutti i tuoi riferimenti. Se avevi preso uno di questi esseri come modello, cambialo velocemente.
8) allenarsi in scia: regola aurea. Scegliti anche la scia giusta. Ad esempio evitare la scia del Sala. Oltre al fatto che la perdi immediatamente, incrociarlo a metà vasca ti deprime. Significa che i 5” di distacco dopo 35 metri sono già diventati 15”… se poi c’è da fare un 200 ti viene l’ansia del doppiaggio, lo squalo che arriva, le virate cattive, rumori molesti subacquei…
9) l’abbigliamento in vasca: se sei nuotatore mediano il tuo abbigliamento in vasca deve essere sobrio…non comprare cuffiette su cui c’è scritto “io tiro” se poi non tiri per niente…non mettere costumini da Borat pazzeschi se poi stai tutto l’allenamento appeso alla corsia…di recente per una serie di qui pro quo ho infranto questa regola. Richiamato all’ordine da Allocchio (espertissimo nuotatore mediano) ho riposto in un cassetto occhialini non adeguati.
10) il coach: scegliere sempre di nuotare con un grande coach, uno appassionato, che segua sempre te e tutti i tuoi compagni, che organizzi sempre cose nuove e divertenti, che ti spinga a migliorarti, che abbia sempre qualcosa di utile da dirti e qualcosa da insegnarti…Grazie Rocco! (Rocco è il pigro e anziano assistente bagnanti della piscina ndr)

2 Risposte

Giuseppe Monti

11/04/2013 22:44:22

0

overflow on android

12/04/2013 06:20:01

0

On Thu, 11 Apr 2013 13:43:35 -0700 (PDT), MadLuke
<madluke25@gmail.com> wrote:
> Il decalogo di un mio ex compagno di squadra del Team Lombardia. :-)

Ohhhh
Finalmente un post che mi ricorda i bei vecchi tempi di ISN
Tutte regole d"oro tranne...

> 6) scegliere sempre almeno una gara faticosa: darà un senso alla
tua gior=

Non sarebbe meglio rifarsi al consiglio del punto uno per dare un
senso alla giornata?


> 8) allenarsi in scia: regola aurea. Scegliti anche la scia giusta.
Ad esemp=

Questa mi sembra una boiata... Sarà perché solitamente sono dalla
parte sbagliata della scia... ;-)


> 9) labbigliamento in vasca: se sei nuotatore mediano il tuo
abbigliament=

Bah, secondo me le due cose non sono collegate...
Un buffone come il ciuco può pure gareggiare con la cuffia delle
nonnine per la doccia anche se è una pippa :-):-):-):-)

GdR