[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Robart

30/09/2011 12:51:13

Sta passando uno scandalo pubblico che non stiamo vedendo. Questo scandalo
si chiama Mondadori. Il colosso editoriale di Segrate - di cui il premier
Berlusconi è "mero proprietario" e la figlia Marina è presidente - doveva
al Fisco la bellezza di 400 miliardi di vecchie lire, per una controversia
iniziata nel '91. Grazie al decreto numero 40, approvato dal governo il 25
marzo e convertito in legge il 22 maggio, potrà chiudere la maxi-vertenza
pagando un mini-tributo: non i 350 milioni di euro previsti (tra mancati
versamenti d'imposta, sanzioni e interessi) ma solo 8,6. E amici come prima.

Un "condono riservato". Meglio ancora, una legge "ad aziendam". Che si somma
alle 36 leggi "ad personam" volute e fatte licenziare dalle Camere dal
Cavaliere, in questi tumultuosi quindici anni di avventurismo politico.
Repubblica ha già dato la notizia, in splendida solitudine, l'11 agosto
scorso. Ma ora che il centrodestra discute di una "questione morale" al suo
interno, ora che la propaganda di regime costruisce teoremi assolutori sul
"così fan tutti" e la macchina del fango istruisce dossier avvelenati sulle
compravendite immobiliari, è utile tornarci su. E raccontare fin dall'inizio
la storia, che descrive meglio di ogni altra l'enormità del conflitto di
interessi del premier, il micidiale intreccio tra funzioni pubbliche e
affari privati, l'uso personale del potere esecutivo e l'abuso politico sul
potere legislativo.


1 Risposta

Ribelle60

03/10/2011 09:55:03

0

Sunboy ha scritto:
> Sta passando uno scandalo pubblico che non stiamo vedendo. Questo scandalo
> si chiama Mondadori. Il colosso editoriale di Segrate - di cui il premier
> Berlusconi è "mero proprietario" e la figlia Marina è presidente - doveva
> al Fisco la bellezza di 400 miliardi di vecchie lire, per una controversia
> iniziata nel '91. Grazie al decreto numero 40, approvato dal governo il 25
> marzo e convertito in legge il 22 maggio, potrà chiudere la maxi-vertenza
> pagando un mini-tributo: non i 350 milioni di euro previsti (tra mancati
> versamenti d'imposta, sanzioni e interessi) ma solo 8,6. E amici come prima.
>
> Un "condono riservato". Meglio ancora, una legge "ad aziendam". Che si somma
> alle 36 leggi "ad personam" volute e fatte licenziare dalle Camere dal
> Cavaliere, in questi tumultuosi quindici anni di avventurismo politico.
> Repubblica ha già dato la notizia, in splendida solitudine, l'11 agosto
> scorso. Ma ora che il centrodestra discute di una "questione morale" al suo
> interno, ora che la propaganda di regime costruisce teoremi assolutori sul
> "così fan tutti" e la macchina del fango istruisce dossier avvelenati sulle
> compravendite immobiliari, è utile tornarci su. E raccontare fin dall'inizio
> la storia, che descrive meglio di ogni altra l'enormità del conflitto di
> interessi del premier, il micidiale intreccio tra funzioni pubbliche e
> affari privati, l'uso personale del potere esecutivo e l'abuso politico sul
> potere legislativo.
>
>

E nel frattempo EQUITALIA, estrema propaggine del governo del nano,
porta via la casa agli italiani per debiti (SPESSO NON DOVUTI, circa il
50%) per soli 20.000 euro.

Posso solo dire che a questo punto chi ha votato nano DEVE sentirsi un
perfetto idiota. E a ragione al 100%.

--
"Non ho paura degli urli dei violenti, ma del silenzio degli onesti"
Martin Luther King.

"La religione è il singhiozzo di una creatura oppressa, il sentimento
di un mondo senza cuore, lo spirito di una condizione priva di spirito.
È l'oppio dei popoli." K. Marx