[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.politica

India come esempio conseguenze multietniche

Roberto Deboni

15/09/2019 23:39:42

Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
nazione multietnica. Potrebbe essere, come no, ma se l'intenzione
era dimostrare che una nazione multietnica e' un luogo pacifico in
cui vivere, ha sbagliato in pieno. Senza citare i periodici
massacri vicendevoli tra musulmani ed indu, come la mettiamo
con l'attuale repressione in Kashmir ?

L'altra "grande" nazione multietnica sono gli Stati Uniti.
Ma non pare che internamente si possa definire una nazione
socialmente pacifica.

Ci sarebbe poi la Russia, ma e' notorio che l'apparenza
pacifica e' in realta' il risultato di uno stato di polizia,
e forse e' quello che il PD sogna per tutta l'Europa ?

In ogni caso, appena lo stato di polizia non tiene piu',
anche in Russia (ovvero ai confini della dissoluzione
del regno sovietico), scoppiano conflitti dei piu' feroci,
a riprova che ogni pacificazione multietnica diventa un
calderone che cova odi senza fine, con esplosioni di
crudelta' verso i civili. E' questo che i buonisti pensano
di seminare per il futuro dei nostri figli, mentre
predicano pace ed amore ? (ed odio verso gli xenofobi, insultati
con parole come "razzisti", e cosi' mostrando di essere loro
stessi etnofobici)

L'unico risultato che il disprezzo del PD verso i desideri
della popolazione sta causando, e' l'evidente rinascita anche
delle intolleranze interne verso i meridionali: complimenti!
Delle due l'una: o sono dei perfetti idioti, o sono quinte
colonne il cui obbiettivo e' proprio quello di seminare
zizzania per poi instaurare un potere illiberale, giocato
sul "divide et impera".

10 Risposte

?rnesto

16/09/2019 00:04:57

0

Il giorno lunedì 16 settembre 2019 01:39:44 UTC+2, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
> nazione multietnica. Potrebbe essere, come no, ma se l'intenzione
> era dimostrare che una nazione multietnica e' un luogo pacifico in
> cui vivere, ha sbagliato in pieno. Senza citare i periodici
> massacri vicendevoli tra musulmani ed indu, come la mettiamo
> con l'attuale repressione in Kashmir ?
>
> L'altra "grande" nazione multietnica sono gli Stati Uniti.
> Ma non pare che internamente si possa definire una nazione
> socialmente pacifica.
>
> Ci sarebbe poi la Russia, ma e' notorio che l'apparenza
> pacifica e' in realta' il risultato di uno stato di polizia,
> e forse e' quello che il PD sogna per tutta l'Europa ?
>
> In ogni caso, appena lo stato di polizia non tiene piu',
> anche in Russia (ovvero ai confini della dissoluzione
> del regno sovietico), scoppiano conflitti dei piu' feroci,
> a riprova che ogni pacificazione multietnica diventa un
> calderone che cova odi senza fine, con esplosioni di
> crudelta' verso i civili. E' questo che i buonisti pensano
> di seminare per il futuro dei nostri figli, mentre
> predicano pace ed amore ? (ed odio verso gli xenofobi, insultati
> con parole come "razzisti", e cosi' mostrando di essere loro
> stessi etnofobici)
>
> L'unico risultato che il disprezzo del PD verso i desideri
> della popolazione sta causando, e' l'evidente rinascita anche
> delle intolleranze interne verso i meridionali: complimenti!

MA TU PENSA!!! E' colpa del PD! E io che credevo che fosse colpa di quel bove trinariciuto di SALVINI che cantava che i napoletani puzzavano da far scappare i cani e augurava il genocidio dei TERRONI sperando nel vesuvio e nell'Etna!

Guarda a volte come uno si sbaglia! Invece è colpa del PD! AHAHAHAHAH!!!!

Lasciando stare queste colossali stronzate e tornando al discorso importante sulla multietnicità: la Storia mostra che non è mai esistita una grande civiltà che non fosse MULTIETNICA per il solo fatto di essere GRANDE ovviamente lo era, così i grandi imperi mediorientasli, l'impero indiano, la lunga civiltà egizia, l'impero romano,la Cina e ovviamente oggi USA, BRASILE, EUROPA, CANADA ecc.

Non è detto che la coesistenza sia sempre pacifica, quando lo è la società diventa mravigliosa, ricca, libera, tollerante.

e

Momo Achille Mei

16/09/2019 04:31:00

0

On Monday, September 16, 2019 at 11:39:44 AM UTC+12, Roberto Deboni DMIsr wrote:


> Potrebbe essere, come no, ma se l'intenzione
> era dimostrare che una nazione multietnica e' un luogo pacifico in
> cui vivere,

L'esempio ti e' gia' stato dato: la Nuova Zelanda.
Poi si sa come fanno i disonesti: quando una cosa non piace si lascia passare qualche giorno e poi, fischiettando, tomo tomo, si ripropone la stessa domanda, ignorando di aver gia' avuto una risposta.
La tua disonesta' e' stucchevole, deboni.
Vergognati!

massivan

16/09/2019 05:47:13

0

Il 16/09/2019 01:39, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:


> In ogni caso, appena lo stato di polizia non tiene piu',
> anche in Russia (ovvero ai confini della dissoluzione
> del regno sovietico),


"massivan"

Dissoluzione? La URSS era la Russia piu'
l'8% di territorio in piu' dei vari
staterelli. Vedi sulla mappa quanto ne
rimane.

L'Elevato

16/09/2019 07:24:18

0

Dopo dura riflessione, Roberto Deboni DMIsr ha scritto :
> Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
> nazione multietnica.

chi ha scritto questa cazzata?

Augusto Cagnani

16/09/2019 07:25:34

0

Roberto Deboni DMIsr dice:
> Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
> nazione multietnica

Fosse pur vero, l'India attuale è il risultato di una drastica
divisione dell'ex colonia britannica attuata dopo la II Guerra
Mondiale: Pakistan musulmano e India non musulmana.
Come partenza di Stato "multi" è certo un bell'esempio del contrario.

--

Augusto

Luigino Ferrari

16/09/2019 09:04:22

0

On Mon, 16 Sep 2019 01:39:42 +0200, Roberto Deboni DMIsr
<news@analisienergie.it> wrote:

>Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
>nazione multietnica. Potrebbe essere, come no, ma se l'intenzione
>era dimostrare che una nazione multietnica e' un luogo pacifico in
>cui vivere, ha sbagliato in pieno. Senza citare i periodici
>massacri vicendevoli tra musulmani ed indu, come la mettiamo
>con l'attuale repressione in Kashmir ?
>
>L'altra "grande" nazione multietnica sono gli Stati Uniti.
>Ma non pare che internamente si possa definire una nazione
>socialmente pacifica.
>
>Ci sarebbe poi la Russia, ma e' notorio che l'apparenza
>pacifica e' in realta' il risultato di uno stato di polizia,
>e forse e' quello che il PD sogna per tutta l'Europa ?
>
>In ogni caso, appena lo stato di polizia non tiene piu',
>anche in Russia (ovvero ai confini della dissoluzione
>del regno sovietico), scoppiano conflitti dei piu' feroci,
>a riprova che ogni pacificazione multietnica diventa un
>calderone che cova odi senza fine, con esplosioni di
>crudelta' verso i civili. E' questo che i buonisti pensano
>di seminare per il futuro dei nostri figli, mentre
>predicano pace ed amore ? (ed odio verso gli xenofobi, insultati
>con parole come "razzisti", e cosi' mostrando di essere loro
>stessi etnofobici)
>
>L'unico risultato che il disprezzo del PD verso i desideri
>della popolazione sta causando, e' l'evidente rinascita anche
>delle intolleranze interne verso i meridionali: complimenti!
>Delle due l'una: o sono dei perfetti idioti, o sono quinte
>colonne il cui obbiettivo e' proprio quello di seminare
>zizzania per poi instaurare un potere illiberale, giocato
>sul "divide et impera".

In due parole - un fallimento su tutta la linea - finira' che dovremo
rivolgerci al pericolo giallo.

samsenbest

16/09/2019 12:30:27

0

Il giorno lunedì 16 settembre 2019 01:39:44 UTC+2, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:

> L'altra "grande" nazione multietnica sono gli Stati Uniti.
> Ma non pare che internamente si possa definire una nazione
> socialmente pacifica.

Gran esempio: nazione distrutta, pezzente, che nel mondo non conta nulla.
Una vera dimostrazione di come la mescolanza faccia danni.
Deboni, me sei così idiota al naturale o hai trovato una tecnologia per amplificare il tuo stato?

> Ci sarebbe poi la Russia,

O la Germania.
O tutte le grandi capitali, note zone che non contano nulla.

Cuttone sul resto dei deliri da fascista represso.

brif

16/09/2019 13:39:32

0

Il giorno lunedì 16 settembre 2019 01:39:44 UTC+2, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
> nazione multietnica. Potrebbe essere, come no, ma se l'intenzione
> era dimostrare che una nazione multietnica e' un luogo pacifico in
> cui vivere, ha sbagliato in pieno. Senza citare i periodici
> massacri vicendevoli tra musulmani ed indu, come la mettiamo
> con l'attuale repressione in Kashmir ?
>
> L'altra "grande" nazione multietnica sono gli Stati Uniti.
> Ma non pare che internamente si possa definire una nazione
> socialmente pacifica.
>
> Ci sarebbe poi la Russia, ma e' notorio che l'apparenza
> pacifica e' in realta' il risultato di uno stato di polizia,
> e forse e' quello che il PD sogna per tutta l'Europa ?
>
> In ogni caso, appena lo stato di polizia non tiene piu',
> anche in Russia (ovvero ai confini della dissoluzione
> del regno sovietico), scoppiano conflitti dei piu' feroci,
> a riprova che ogni pacificazione multietnica diventa un
> calderone che cova odi senza fine, con esplosioni di
> crudelta' verso i civili.

Può essere.
Veda il caso della dissoluzione della Yugoslavia.
Ma nel caso della dissoluzione del URSS non ci furono eclatanti esempi
guerre etniche. La stessa breve guerra tra Georgia e Russia era generata
da interessi economici e di posizionamento strategico della Georgia sul Mar Nero, piuttosto che da confronto tra ortodossi di Russia e islamici di Georgia.

Attualmente la Federazione Russa è composta da 160 diverse etnie, 4 religioni
in Costituzione (ortodossia, islamismo, ebraismo e buddismo) e svariate altre,
e 100 lingue e dialetti parlate nelle varie Repubbliche.
La Federazione è modello di Stato multietnico e multireligioso.
Soltanto gli islamici sono circa 20 milioni.
E Vladimir Putin fin dal 2003 si rivolse a tutti i cristiani russi, chiedendo
a gran voce il rispetto dei loro concittadini musulmani.

Soltanto nel 2016 sono entrati in Russia 16 milioni d'immigrati, di cui 12 dall'Asia centrale.
16 milioni rappresentano l'11% della popolazione totale della Federazione.

Lo stato di polizia nulla attiene alla pacifica convivenza delle 160 diverse etnie della Federazione.

Per ultimo, egregio, scenda dal pero del pratone di Pontida, fatto da schiattamento di rabbia sul PD.
I fenomeni migratori, la multietnicità di Italia ed Europa è fenomeno che
ha cause ben approfondite e condivise da chi non è divorato da tifo contro o pro.
Il PD e la Lega sono del tutto irrilevanti.

brif

?rnesto

16/09/2019 15:03:48

0

Il giorno lunedì 16 settembre 2019 09:25:39 UTC+2, Augusto Cagnani ha scritto:
> Roberto Deboni DMIsr dice:
> > Qualcuno ha citato l'India come esempio positivo di una "grande"
> > nazione multietnica
>
> Fosse pur vero, l'India attuale è il risultato di una drastica
> divisione dell'ex colonia britannica attuata dopo la II Guerra
> Mondiale: Pakistan musulmano e India non musulmana.
> Come partenza di Stato "multi" è certo un bell'esempio del contrario.
>
> --
>
> Augusto

Ignorare la soria multietnica MILLENARIA della civiltà indiana non è bello.

e

Racing

16/09/2019 15:25:16

0

snip
> L'unico risultato che il disprezzo del PD verso i desideri
> della popolazione sta causando, e' l'evidente rinascita anche
> delle intolleranze interne verso i meridionali: complimenti!
> Delle due l'una: o sono dei perfetti idioti, o sono quinte
> colonne il cui obbiettivo e' proprio quello di seminare
> zizzania per poi instaurare un potere illiberale, giocato
> sul "divide et impera".

Un discorso assolutamente paradossale.
Davanti ai post filo leghisti di questo NG tutti contro gl'immigrati,
ma molto spesso anche contro i meridionali, tu stai a cercare
responsabilità fra chi è "buonista"?
Ma come si fa ad arricchire la propria conoscenza e cultura se si
parte, non dall'essere prevenuto, ma addirittura dall'essere un tifoso
di calcio.
I laziali sono di destra e i romani di sinistra.
E giù gl'improperi.

Esilarante.