[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.politica

Altro che più arrivi a maggio: ecco i veri numeri degli sbarchi

L'Elevato

24/05/2019 21:23:18

Il ministero dell'interno smentisce chi parla della possibilità
dell'aumento degli sbarchi nell'ultimo mese: "In Italia entrati 1.425
migranti dal 1 gennaio - confermano fonti del Viminale - Per la prima
volta il numero dei rimpatri supera quello degli arrivi"

â??Gli sbarchi sono diminuiti dellâ??86.83% rispetto allo stesso periodo
dello scorso anno�: sono fonti del Viminale a ribadire un dato visto
profondamente al ribasso se paragonato a dodici mesi fa.


Un modo, quello del ministero dellâ??interno, per replicare a chi da più
parti inizia a parlare di possibile grande aumento del fenomeno
migratorio in questo mese di maggio, alla luce delle ultime tensioni
con le Organizzazioni non governative e degli ultimi sbarchi tra
Lampedusa e lâ??agrigentino.

Il dato fornito dal dicastero aggiornato al 24 maggio 2019, parla di
complessive 1.425 persone approdate in Italia a fronte delle 10.817
arrivate nel nostro paese dal 1 gennaio al 24 maggio 2018. Dunque un
calo, tengono a precisare dal ministero dellâ??interno, che arriva
allâ??86% complessivo e che appare in linea con la diminuzione già
registrata negli ultimi mesi dellâ??anno passato.

Dal Viminale si prova a rispondere ai recenti allarmi, ponendo in primo
piano anche il raffronto tra arrivi e rimpatri nel 2019: â??In questo
anno â?? sottolineano ancora fonti del ministero dellâ??interno â?? Per la
prima volta si contano più persone rimpatriate che arrivate�.

Se il numero di chi sbarca infatti si ferma a 1.425, nel 2019 ad essere
rimpatriati sono complessivamente 2.530 soggetti: tra questi 2.408
lasciano lâ??Italia forzatamente, 122 invece raggiungono i propri Paesi
dâ??origine su base volontaria.

Il dicastero cerca di stoppare sul nascere possibili voci circa
unâ??impennata degli approdi, dimostrando il contrario e mettendo in
evidenza come anche sui rimpatri si inizia a muovere qualcosa.

Eppure certamente la preoccupazione non manca: se da un lato lâ??arrivo
della primavera rende fisiologico un aumento dei flussi migratori,
dallâ??altro lâ??attivismo ritrovato delle navi delle organizzazioni non
governative e la persistente crisi militare a Tripoli sembrano creare i
presupposti per unâ??accentuazione del fenomeno.

Per il momento i numeri dellâ??emergenza pronosticata ad aprile, quando
in Libia inizia la battaglia per la presa della capitale, non sembrano
esserci ed i dati sulla diminuzione dei migranti arrivati in Italia
appaiono in linea a livello percentuale con gli ultimi mesi del 2018.
Ma i prossimi mesi rischiano di essere â??più caldiâ? e non solo sotto il
profilo climatico.

In parole povere, il Viminale evidenzia come il calo dei flussi oramai
è una costante ma al tempo stesso negli uffici del ministero si
studiano piani per contrastare eventuali aumenti. Il tutto ovviamente
al netto di cambiamenti politici che, vista lâ??attuale situazione,
occorre pur sempre mettere in conto.