[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.basket

CdR - 18ma giornata

ruggero albarello

28/01/2019 13:56:14

perso a MN di 1 punto (terza sconfitta in fila), in una partita in cui non ci somo mai state vere fughe (mi sembra al massimo 6 punti, da una parte o dall'altra).

Stavolta l'abbiamo persa più per demeriti nostri che meriti di Mantova, che comunque si è fatta trovare pronta quando serviva (tipo la tripla di Ferrara che ha sancito in pratica la vittoria).

Bene l'impatto del ritornato Mitch Poletti; male la gestione dell'attacco ed alcuni svarioni difensivi, risultati poi decisivi ai fini del risultato (il tap-in al volo di Visconti, ad es.).

Ferguson, nel primo tempo, ha gettato al vento 4 palle quasi consecutive (tra cui un'entrata a canestro, ed invece di concludere, chissà perchè, ha riaperto l'azione!). A mio parere non dovrebbe fare il play, ma la guardia.

E poi sto schema per cui ci si passa la palla fuori dell'arco da tre punti per 18-20 secondi, per poi trovarsi in affanno a chiudere, non lo capisco (credo sia lo schema che più viene usato); unito ormai alla sparakkiazia da tre, di cui non parlo neanche più.

Adesso siamo scivolati al 5^ posto.

Intanto la f ha praticamente ipotecato la salita immediata in serieA, battendo TV.. per la gioia di PG :-)

ciao, Ruggero

11 Risposte

PG

28/01/2019 14:11:58

0

ruggero albarello wrote:

> Intanto la f ha praticamente ipotecato la salita immediata in serieA, battendo TV.. per la gioia di PG :-)

Gli hanno cambiato la regola apposta per farli salire. Se dovevano
vincere 4 turni di playoff, nel 2040 erano ancora in A2.

> ciao, Ruggero

Ciao,
Paolo

ruggero albarello

28/01/2019 15:29:31

0

Il giorno lunedì 28 gennaio 2019 15:10:17 UTC+1, PG ha scritto:

>
> Gli hanno cambiato la regola apposta per farli salire. Se dovevano
> vincere 4 turni di playoff, nel 2040 erano ancora in A2.

immagino di sì, anche perchè l'ampliamento delle squadre in serie A, in questo momento, lo trovo del tutto fuori luogo.. decisione allucinante.

>
> Ciao,
> Paolo

ciao, Ruggero

PG

28/01/2019 16:55:04

0

ruggero albarello wrote:
> Il giorno lunedì 28 gennaio 2019 15:10:17 UTC+1, PG ha scritto:
>
>>
>> Gli hanno cambiato la regola apposta per farli salire. Se dovevano
>> vincere 4 turni di playoff, nel 2040 erano ancora in A2.
>
> immagino di sì, anche perchè l'ampliamento delle squadre in serie A, in questo momento, lo trovo del tutto fuori luogo.. decisione allucinante.

Concordo con te. A parte il discorso della Fortitudo, ci sono in questo
momento diverse squadre traballanti e/o con problemi in serie A
(Avellino con lodi pendenti, Torino un bordello, pure qualcun altro non
esattamente in salute). Guarda, se fosse per me anziché ampliare la A la
ridurrei a 14 squadre e spezzerei la A2 come era stato qualche anno fa
in gold e silver.

> ciao, Ruggero

Ciao,
Paolo

ruggero albarello

29/01/2019 08:15:06

0

Il giorno lunedì 28 gennaio 2019 17:53:23 UTC+1, PG ha scritto:
Guarda, se fosse per me anziché ampliare la A la
> ridurrei a 14 squadre e spezzerei la A2 come era stato qualche anno fa
> in gold e silver.

Assolutamente d'accordo con te (sempre detto che avresti una carriera come commissioner :-) ); tra l'altro, la prossima stagione in A2 sembra che possa cambiare ancora (gironi, fase orologio, play-off, play-out.. non si è ben capito); non penso sia un bene per quei tre cristi con voglia di investire, vista l'incertezza continua delle regole.
E nello specifico, qua a VR, l'obiettivo dichiarato della prossima stagione è salire (quest'anno arrivare quarti..)

> Ciao,
> Paolo

ciao, Ruggero

PG

30/01/2019 12:24:05

0

ruggero albarello wrote:
> Il giorno lunedì 28 gennaio 2019 17:53:23 UTC+1, PG ha scritto:
> Guarda, se fosse per me anziché ampliare la A la
>> ridurrei a 14 squadre e spezzerei la A2 come era stato qualche anno fa
>> in gold e silver.
>
> Assolutamente d'accordo con te (sempre detto che avresti una carriera come commissioner :-) ); tra l'altro, la prossima stagione in A2 sembra che possa cambiare ancora (gironi, fase orologio, play-off, play-out.. non si è ben capito); non penso sia un bene per quei tre cristi con voglia di investire, vista l'incertezza continua delle regole.
> E nello specifico, qua a VR, l'obiettivo dichiarato della prossima stagione è salire (quest'anno arrivare quarti..)

"Continuiamo così, facciamoci del male" diceva Nanni Moretti.

In serie A Cantù dipende dalle alterne fortune di un latitante russo,
Avellino fa sempre acrobazie regolamentari per non farsi penalizzare e
pagare sempre il giorno dopo, Torino è in vendita e la comprano dei
romani ma forse no. Pesaro (ammirevole) ogni anno raschia il fondo del
barile per mettere insieme cinque cristi che riescano a farla restare in
serie A.

E si vogliono aumentare le squadre. Mah.

Negli ultimi anni non si contano le squadre fallite tra A1 e A2.

E continuo a restare favorevole allo spezzamento dell'A2 in due livelli
perché in essa convivono squadre e piazze con risorse, tradizione e
pubblico da piano di sopra (Verona, Treviso, bologna2, Biella, fino
all'anno scorso Trieste, mettiamoci anche Forlì, forse Roma, non so
Siena come sia messa adesso) con piazze per le quali l'A2 è la giusta
dimensione, almeno per adesso (poi magari arriva il mecenate di turno e
le ambizioni crescono) come potrebbero essere Imola, Casale, Piacenza e
diverse altre.

Insomma vedo troppa disparità di risorse ed obiettivi, 32 squadre sono
oggettivamente tante.

E fare lo spezzamento sarebbe la cosa più semplice del mondo: prendi le
15 che disputano i playoff senza venire promosse più la retrocessa
dall'A1 e le metti in gold; tutte le altre vanno in silver. Dall'anno
prossimo, le prime 8 della gold disputano i playoff per salire in A1,
l'ultima retrocede in silver e le prime 8 della silver disputano i
playoff per prendere il suo posto.

Ma le soluzioni semplici e razionali non piacciono alla pallacanestro
italiana.

> ciao, Ruggero

Ciao,
Paolo

DR

30/01/2019 12:45:44

0

On 1/30/19 1:24 PM, PG wrote:
<...>
> E fare lo spezzamento sarebbe la cosa più semplice del mondo: prendi le
> 15 che disputano i playoff senza venire promosse più la retrocessa
> dall'A1 e le metti in gold; tutte le altre vanno in silver. Dall'anno
> prossimo, le prime 8 della gold disputano i playoff per salire in A1,
> l'ultima retrocede in silver e le prime 8 della silver disputano i
> playoff per prendere il suo posto.

Caro commissioner devo comunicarle che a me 'ste soluzioni con una sola
pedina che si sposta per anno non piacciono e rischiano di tarpare le
ali a chi sarebbe disposto a investire ma si trova a gestire un progetto
che dipende troppo dall'alea.

Davide.

PG

30/01/2019 14:10:12

0

DR wrote:
> On 1/30/19 1:24 PM, PG wrote:
> <...>
>> E fare lo spezzamento sarebbe la cosa più semplice del mondo: prendi
>> le 15 che disputano i playoff senza venire promosse più la retrocessa
>> dall'A1 e le metti in gold; tutte le altre vanno in silver. Dall'anno
>> prossimo, le prime 8 della gold disputano i playoff per salire in A1,
>> l'ultima retrocede in silver e le prime 8 della silver disputano i
>> playoff per prendere il suo posto.
>
> Caro commissioner devo comunicarle che a me 'ste soluzioni con una sola
> pedina che si sposta per anno non piacciono e rischiano di tarpare le
> ali a chi sarebbe disposto a investire ma si trova a gestire un progetto
> che dipende troppo dall'alea.


Beh, 1 su 16 sarebbe comunque un bel progresso rispetto a 1 su 32 che
c'era fino all'anno scorso (e riprenderà dalla prossima stagione, se ho
ben capito). Ma si potrebbe fare anche 2 su 16, non sposterebbe di molto
il succo del mio discorso.

Il fatto è che 18 squadre in A1 più 32 in A2 sono uno sproposito per
come è il basket italiano oggi.

> Davide.

Ciao,
Paolo

DR

30/01/2019 15:13:18

0

On 1/30/19 3:10 PM, PG wrote:
<...>
> Ma si potrebbe fare anche 2 su 16, non sposterebbe di molto
> il succo del mio discorso.

Il succo del *tuo* discorso forse no, ma ribadisco che se vuoi attirare
finanziamenti e promuovere la progettualità devi disegnare percorsi che
permettano di raggiungere gli obiettivi senza che sia necessaria la
botta di culo o il santo in paradiso...

Davide.

PG

30/01/2019 15:44:42

0

DR wrote:
> On 1/30/19 3:10 PM, PG wrote:
> <...>
>> Ma si potrebbe fare anche 2 su 16, non sposterebbe di molto il succo
>> del mio discorso.
>
> Il succo del *tuo* discorso forse no,

Il mio discorso è che 48/50 squadre professionistiche in Italia sono
troppe, questo volevo arrivare a dire. E che l'A1 a 18 non ha senso,
vista la situazione traballante di diverse di esse già ora che ne
abbiamo 16. E un secondo campionato con 32 squadre suddivise in due
gironi è un mostro.

ma ribadisco che se vuoi attirare
> finanziamenti e promuovere la progettualità devi disegnare percorsi che
> permettano di raggiungere gli obiettivi senza che sia necessaria la
> botta di culo o il santo in paradiso...

Sono d'accordo ma c'è anche l'altra faccia della medaglia: se metti
molte retrocessioni pure investire una volta che sei in serie A diventa
anch'esso soggetto alle lune del caso. Metti che ti si spacchi un
giocatore chiave e perdi qualche partita di troppo e vai giù, anche lì
diventa difficile avere progettualità se sai che basta poco per vedere
il tutto andare in fumo.

Una promozione/retrocessione è probabilmente troppo poco, due potrebbeo
andar bene (fra l'altro sono state due per diversi anni, quando non si
cambiava formula continuamente), tre sarebbero forse troppe IMHO.

> Davide.

Ciao
Paolo

warlord

31/01/2019 17:35:08

0

PG <danilovic_2000@yahoo.it> wrote:

> DR wrote:
> > On 1/30/19 3:10 PM, PG wrote:
> > <...>
> >> Ma si potrebbe fare anche 2 su 16, non sposterebbe di molto il succo
> >> del mio discorso.
> >
> > Il succo del *tuo* discorso forse no,
>
> Il mio discorso è che 48/50 squadre professionistiche in Italia sono
> troppe, questo volevo arrivare a dire. E che l'A1 a 18 non ha senso,
> vista la situazione traballante di diverse di esse già ora che ne
> abbiamo 16. E un secondo campionato con 32 squadre suddivise in due
> gironi è un mostro.

Concordo, ma ufficialmente il campionato di A2 non è un campionato
professionistico. Pallacanestro Biella scendendo si è trasformata da SpA
a Ssdarl (società sportiva dilettantistica a responsabilità limitata).
In Italia non sono professionisti nemmeno i giocatori di volley di serie
A ("zar" compreso).