[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.ciclismo

Contachilometri e contapassi

Aldo De Rosa

02/10/2018 21:21:44

Sarei grato a chi potesse e volesse chiarirmi dei dubbi in merito a
quanto segue.
Vado da anni in bicicletta ed uso il contachilometri che, come è noto,
funziona in base ad un contatto elettrico inviato allo strumento ad ogni
giro di ruota, ossia quando il magnetino, montato su un raggio della
ruota, passa di fronte ad un sensore magnetico, che chiude il contatto e
induce lo strumento a contare un nuovo giro. Se, per esempio, lo
strumento è stato impostato per una circonferenza ruota di 2103 mm, dopo
100 giri di ruota il contachilometri segna 0,2103 Km. E fin qui i conti
tornano, il contachilometri segna il giusto valore, circa 210 metri.
Poniamo ora il caso che io voglia dedicarmi alla marcia ed acquisti un
contapassi. Questi strumenti, purtroppo, per â??contare i passiâ?, usano un
sistema alquanto inaffidabile ed aleatorio, sono sensibili a movimenti
spuri che nulla hanno a che vedere con i passi, oppure, al contrario,
saltano dei contatti da inviare al chip segnalando un numero di passi
minore di quelli che sono stati contati mentalmente.
Ecco allora lâ??idea di usare un contachilometri ciclistico. Se la
lunghezza media del mio passo è, poniamo, 670 mm ed uso un
contachilometri impostato per un giro di ruota di 2103 mm, il rapporto è
pari a: 2103 / 670 = 3,14 circa.
Naturalmente, però, se sto marciando, non vi è il magnetino sul raggio
della ruota che passa davanti al sensore. Tuttavia, chiudo io il
contatto, ad ogni passo, tramite un pulsantino e due fili collegati al
contachilometri estratto dalla bici. Naturalmente questa è una manovra
UNA TANTUM: una volta misurata una distanza, la annoto e la volta
successiva, per il medesimo giro, non devo ripetere questo noioso
conteggio per conoscere la distanza coperta.
Dunque, prima di mettermi in marcia, mi metto a tavolino e collaudo il
sistema.
Faccio 100 contatti manuali da inviare al contachilometri. Il
contachilometri, alla fine, deve segnarmi 2,103 Km ed io dovrei dividere
questo numero per il rapporto visto, ossia 2103/670 = 3,14. Poi devo
effettuare la divisione 2,103/3,14 = 0,669 = 669 metri.
Ma, in realtà, così non è affatto: mentre in bici, col magnetino sul
raggio e col sensore magnetico, il ciclo computer mi segna
effettivamente 2,103 Km = 2103 metri, quando sono io invece a chiudere
manualmente il contatto, facendo le veci del magnetino e del sensore, e
facendo â??CREDEREâ? allo strumento che sto pedalando, il contachilometri,
invece di indicarmi 2,103 Km ne indica molti di più, come ad esempio 4
Km. Ecco la mia domanda: cosa cambia se il contatto viene da me chiuso
manualmente, invece che dalla coppia magnetino sensore? Quale diavoleria
contengono questi ciclocomputers?


--
CobraOne

2 Risposte

Mork

03/10/2018 00:42:01

0

"Just Time" ha scritto nel messaggio
news:2018100221214421667@mynewsgate.net...
> cosa cambia se il contatto viene da me chiuso
> manualmente, invece che dalla coppia magnetino sensore?

Dici di chiudere il contatto con un pulsante... probabilmente la sezione di
acquisizione del tuo circuito non è stata progettata per l'uso con un
pulsante e non ha una logica di filtro antirimbalzo. Quando schiacci il
pulsante, da punto di vista elettrico non si crea un passaggio di stato
istantaneo e "pulito", ma per una piccola frazione di secondo possono essere
rilevati cambiamenti di stato multipli (microrimbalzi).

Aldo De Rosa

03/10/2018 06:11:35

0

Mork <mork@ork.it> ha scritto:

> "Just Time" ha scritto nel messaggio
> news:2018100221214421667@mynewsgate.net...
> > cosa cambia se il contatto viene da me chiuso
> > manualmente, invece che dalla coppia magnetino sensore?
>
> Dici di chiudere il contatto con un pulsante... probabilmente la sezione
di
> acquisizione del tuo circuito non Ã? stata progettata per l'uso con un
> pulsante e non ha una logica di filtro antirimbalzo. Quando schiacci il
> pulsante, da punto di vista elettrico non si crea un passaggio di stato
> istantaneo e "pulito", ma per una piccola frazione di secondo possono
essere
> rilevati cambiamenti di stato multipli (microrimbalzi).
>
Più che convincente, non avevo considerato simili dettagli.

--
CobraOne