[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.atletica

Pagherete tutto! La mia prima mezzamaratona

Jk

17/12/2017 21:51:31

erano 2 anni che avevo studiato il percorso.
20km
Io che erano 2 anni che non arrivavo nemmeno a 12 e le 10k si contano
sul Garmin con le dita dei 2 mani.
Però magari andando piano... insomma volevo fare un vero lungo lento.
Chiedo al mio collega maratoneta. "senti ma se parto a 5'30 5'20 io ceh
nei 12 tengo 5' senza sforzo, si può fare?"
Sì sì poi vedi quando sei a metà se accelerare
"ma... non è che dopo il 15°km la musica cambia e mi arriva la tranvata?"
Ma no...
Arrivo fino al 16° km tranquillo, media sotto ai 5'20" battito mai oltre
i 150...
Beh fin qui tutto bene... come disse l' ottimista cadendo dal 100° piano
fino al 10°... però ad accelerare aspetto.
Nel frattempo mi chiama mia moglie "ma dove sei? ma fra quanto arrivi?
Ehhh?! altri 45'?!?! -----ma io credevo facessi una corsa normale"
In effetti... tanto normali non possiamo essere...
Maturo l' idea che "miii che 2 palle, magari faccio 21.1km così posso
dire di aver provato una mezza e ci metto una pietra sopra..."
al 17° provo ad accelerare, ma invece il tempo peggiora...
magari è un pelo in salita... vabbè fa niente del tempo non mi importa
in fondo.
al 18 comincio a sentire le gambe veramente pesanti
vabbè, tanto ormai sono arrivato.
al 19 crollo e di colpo mi fermo.
merda!
perdo 2' di passo bevo un sorso d acqua e mi rimetto una maglia tolta al
7°. Sconforto. Poi però riesco ad accelerare il passo e allora riprovo a
correre, ci riesco, piano ma ci riesco.
STancamente mi trascino e riesco pure a trovare il coraggio di allungare
quel che serve per andare ai 21.1. ultimi a 6'/km
Ovviamente mi dico mai più, vedremo...
totale 1h55'
se non avessi perso quei 2' sarebbe venuto 5'21" di media, cazzo.
16 Risposte

all

18/12/2017 10:07:06

0

[cut]

> al 17° provo ad accelerare, ma invece il tempo peggiora...
> magari è un pelo in salita... vabbè fa niente del tempo non mi importa
> in fondo.
> al 18 comincio a sentire le gambe veramente pesanti
> vabbè, tanto ormai sono arrivato.
> al 19 crollo e di colpo mi fermo.
> merda!

Ricordo benissimo che quando preparai la mie prime mezze maratone rimasi stupito da questa cosa:
- nei miei test sui 10000 andavo sui 4'35"-4'40"/Km, quindi "potenzialmente" sarei stato in grado di fare una mezza ad un ritmo leggermente sotto i 5'/Km
- quando provai i primi lunghi in allenamento intorno a 5'30"/Km crollavo inevitabilmente sempre intorno al 18° Km. arrivato a quel punto avevo i battiti cardiaci tutto sommato bassi, respiro regolarissimo, ma mi sentivo le gambe distrutte, legnose e doloranti. Ma la cosa che mi stupiva era che crollavo indipendentemente dalla velocità che avevo fatto fino a quel punto, che avessi fatto i primi 15Km a 5'/Km o a 5'40" non faceva alcuna differenza.

Io credo che in questi casi non sia un problema di ritmo, ma di distanza: io ero abituato a correre per 8-12 Km ma aumentando la distanza si mettono le gambe più sotto stress, tendini e cartilagini non sono abituati, aumentano i microtraumi muscolari, ecc. e questo è abbastanza indipendente dal ritmo che fai.

Il tuo problema mi sembra molto analogo, ma del resto è una cosa che succede a tutti quando aumentano le distanze. Se tu puoi fare 10K a 4'50"/Km allora secondo me il tuo apparato cuore-polmoni-sangue è già in grado di farti fare una mezza intorno ai 5'10"/Km; il problema è che le tue articolazioni (gambe) al momento non reggono la distanza, si disfano prima.
Se tu fai 6-8 allenamenti lunghi (18-22Km) nell'arco di 2-3 mesi il problema pian piano sparirà e ti accorgerai di poter fare i 20Km ad un ritmo al massimo 20"/Km più lento di quello che fai sui 10K. Già dopo 2-3 lunghi vedrai notevoli miglioramenti. Tra l'altro questi lunghi, anche se fatti a ritmi lenti, ti faranno migliorare un pò anche nei tuoi test sui 10K


Jk

18/12/2017 10:20:23

0

Il 18/12/2017 11.07, all ha scritto:
> Io credo che in questi casi non sia un problema di ritmo, ma di distanza: io ero abituato a correre per 8-12 Km ma aumentando la distanza si mettono le gambe più sotto stress, tendini e cartilagini non sono abituati, aumentano i microtraumi muscolari, ecc. e questo è abbastanza indipendente dal ritmo che fai.
>

ah, interessante sta cosa che il ritmo in fonod non conta.
Merda dovevo partire più forte! :-D

> Il tuo problema mi sembra molto analogo, ma del resto è una cosa che succede a tutti quando aumentano le distanze. Se tu puoi fare 10K a 4'50"/Km allora secondo me il tuo apparato cuore-polmoni-sangue è già in grado di farti fare una mezza intorno ai 5'10"/Km; il problema è che le tue articolazioni (gambe) al momento non reggono la distanza, si disfano prima.

mi pare azzeccato: si sono sgretolate le gambe al 19°km, di colpo
praticamente.

> Se tu fai 6-8 allenamenti lunghi (18-22Km) nell'arco di 2-3 mesi il problema pian piano sparirà e ti accorgerai di poter fare i 20Km ad un ritmo al massimo 20"/Km più lento di quello che fai sui 10K. Già dopo 2-3 lunghi vedrai notevoli miglioramenti. Tra l'altro questi lunghi, anche se fatti a ritmi lenti, ti faranno migliorare un pò anche nei tuoi test sui 10K
>

vedremo se ne ri-farò.
Speravo almeno che andando così piano subentrasse "l' effetto nirvana"
invece son stato bene ma non in trance, l'ho trovato anche piuttosto
noioso come lavoro e mi son proprio detto che è meglio che lavoro per
migliorare la velocità. Anche questo lavoro l'ho fatto prima di tutto in
ottica "lungo lento" è stato solo durante che ho capito che è troppo noioso
Ho anche pensato "magari si potesse fare in un oretta, allora si
potrebbe fare... aspetta che faccio 2 conti... 3'/km... ok, la mezza non
fa per me!" :-D
Oh me ne avanzasse di tempo sicurametne ne farei altre. Invece continuo
a fare per lo più lavori entro l' ora e spero che questo giro mi serva
per farmi sembrare corto un 12k. Così da affrontarlo con maggior cattiveria

all

18/12/2017 12:14:04

0


>
> ah, interessante sta cosa che il ritmo in fonod non conta.
> Merda dovevo partire più forte! :-D
>

si. Io penso che se partivi sui 5'10", fino ai 15-16 Km non avresti avuto particolari difficoltà

> Speravo almeno che andando così piano subentrasse "l' effetto nirvana"
> invece son stato bene ma non in trance, l'ho trovato anche piuttosto
> noioso come lavoro e mi son proprio detto che è meglio che lavoro per
> migliorare la velocità. Anche questo lavoro l'ho fatto prima di tutto in
> ottica "lungo lento" è stato solo durante che ho capito che è troppo noioso
> Ho anche pensato "magari si potesse fare in un oretta, allora si
> potrebbe fare... aspetta che faccio 2 conti... 3'/km... ok, la mezza non
> fa per me!" :-D
> Oh me ne avanzasse di tempo sicurametne ne farei altre. Invece continuo
> a fare per lo più lavori entro l' ora e spero che questo giro mi serva
> per farmi sembrare corto un 12k. Così da affrontarlo con maggior cattiveria

anch'io trovo noiosi i lunghi e li faccio solo nel periodo dicembre-gennaio-febbraio per preparare 1 o 2 mezze di fine inverno. Però anche a questo ci si abitua: quando hai fatto i 20 Km per un pò di volte, i 10-12 Km poi ti passano in un attimo.
Qui però io penso che sia soprattutto una questione più mentale che fisiologica

Jk

18/12/2017 14:01:00

0

Il 18/12/2017 13:14, all ha scritto:

> si. Io penso che se partivi sui 5'10", fino ai 15-16 Km non avresti avuto particolari difficoltà

vabbè alla fine non rosico nemmeno molto via.

> anch'io trovo noiosi i lunghi e li faccio solo nel periodo dicembre-gennaio-febbraio per preparare 1 o 2 mezze di fine inverno. Però anche a questo ci si abitua: quando hai fatto i 20 Km per un pò di volte, i 10-12 Km poi ti passano in un attimo.
> Qui però io penso che sia soprattutto una questione più mentale che fisiologica
>

hai detto niente!
riflettevo che se al 19° avessi avuto una tigre alle calcagna gli ultimi
2 km avrei fatto un crescendo notevole, invece che bloccarmi, che dici? ;-)

all

18/12/2017 15:25:03

0

Il giorno lunedì 18 dicembre 2017 15:01:01 UTC+1, Jk ha scritto:
> Il 18/12/2017 13:14, all ha scritto:
>
> > si. Io penso che se partivi sui 5'10", fino ai 15-16 Km non avresti avuto particolari difficoltà
>
> vabbè alla fine non rosico nemmeno molto via.
>
In questo caso non tanto, perchè comunque avevi fatto un discreto ritmo. Ma la mia considerazione non era sull'ottimizzare la performance, era sul fatto di non crollare: da questo punto di visto temo che non ci sia scampo, saresti crollato anche correndo a 5'40"


>
> hai detto niente!
> riflettevo che se al 19° avessi avuto una tigre alle calcagna gli ultimi
> 2 km avrei fatto un crescendo notevole, invece che bloccarmi, che dici? ;-)

Può essere. Però una tigre alle calcagna io lo considero doping :)

Jk

19/12/2017 08:16:31

0

Il 18/12/2017 16.25, all ha scritto:

> In questo caso non tanto, perchè comunque avevi fatto un discreto ritmo. Ma la mia considerazione non era sull'ottimizzare la performance, era sul fatto di non crollare: da questo punto di visto temo che non ci sia scampo, saresti crollato anche correndo a 5'40"
>


Mi stanno sparendo anche i dolori.
Strani dolori, sopra al piede sx/dx, esterno ginocchio sx (legamento
sicuro).
Tutto sommato se non fosse stato per il crollo non mi sarebbe nemmeno
spiaciuta...
.
.
.
ahia, ci sto cascando!

Mau

19/12/2017 10:26:49

0

Il 18/12/2017 11.07, all ha scritto:
> Ricordo benissimo che quando preparai la mie prime mezze maratone rimasi stupito da questa cosa:
> - nei miei test sui 10000 andavo sui 4'35"-4'40"/Km, quindi "potenzialmente" sarei stato in grado di fare una mezza ad un ritmo leggermente sotto i 5'/Km
> - quando provai i primi lunghi in allenamento intorno a 5'30"/Km crollavo inevitabilmente sempre intorno al 18° Km. arrivato a quel punto avevo i battiti cardiaci tutto sommato bassi, respiro regolarissimo, ma mi sentivo le gambe distrutte, legnose e doloranti. Ma la cosa che mi stupiva era che crollavo indipendentemente dalla velocità che avevo fatto fino a quel punto, che avessi fatto i primi 15Km a 5'/Km o a 5'40" non faceva alcuna differenza.

Stessa esperienza mia, anzi crollavo anche prima (14mo). Stavo
abbastanza bene di fiato ma le gambe erano davvero inchiodate.
Stessa cosa che poi ho riprovato quando ho allungato ulteriormente con
la maratona.
Chiaramente con l'allenamento passa!

--
Mau

VonKappel

19/12/2017 11:31:38

0

Mau,

> Il 18/12/2017 11.07, all ha scritto:
> > Ricordo benissimo che quando preparai la mie prime mezze maratone rimasi stupito da questa cosa:
> > - nei miei test sui 10000 andavo sui 4'35"-4'40"/Km, quindi "potenzialmente" sarei stato in grado di fare una mezza
> > ad un ritmo leggermente sotto i 5'/Km - quando provai i primi lunghi in allenamento intorno a 5'30"/Km crollavo
> > inevitabilmente sempre intorno al 18° Km. arrivato a quel punto avevo i battiti cardiaci tutto sommato bassi,
> > respiro regolarissimo, ma mi sentivo le gambe distrutte, legnose e doloranti. Ma la cosa che mi stupiva era che
> > crollavo indipendentemente dalla velocità che avevo fatto fino a quel punto, che avessi fatto i primi 15Km a 5'/Km
> > o a 5'40" non faceva alcuna differenza.
>
> Stessa esperienza mia, anzi crollavo anche prima (14mo). Stavo abbastanza bene di fiato ma le gambe erano davvero
> inchiodate. Stessa cosa che poi ho riprovato quando ho allungato ulteriormente con la maratona.
> Chiaramente con l'allenamento passa!

Penso che, a parte "pochi eletti" nati maratoneti, l'adattamento muscolo-scheletrico
alle lunghe distanze richiede tempo e prezzo in termini di fatica fisica e mentale.
Io avevo trovato il primo vero scoglio dalle parti del diciottesimo dove realmente
l'equilibrio era precario.
Alle volte ero costretto, così avvenuto a Jk, a fermarmi e a alternare la camminata
alla corsa (nel dolore).

In realtà, penso che un buon adattamento, sempre stando attenti a non infortunarsi,
richieda anni, svariati anni.
Poi, come ho scritto, ci sono persone che dal nulla o quasi ti fanno una maratona.

--
https://www.youtube.com/user/natalinobalass...

Jk

19/12/2017 14:03:41

0

Il 19/12/2017 12.31, VonKappel ha scritto:

> In realtà, penso che un buon adattamento, sempre stando attenti a non infortunarsi,
> richieda anni, svariati anni.

son curioso di vedere cosa succederà domani prima corsa post-trauma.
Cmq il polpaccio non dice nulla di più, anzi. Boh.

all

19/12/2017 14:19:34

0


>
> son curioso di vedere cosa succederà domani prima corsa post-trauma.
> Cmq il polpaccio non dice nulla di più, anzi. Boh.

Il fatto che ti siano passati i dolori vari è sicuramente molto positivo. Però per esperienza personale questi primi approcci con distanze lasciano nelle gambe una certa stanchezza che dura almeno 2-3 giorni.
Quindi se domani tanto per dire provi un test sui 5000 e non sei brillantissimo, non ti stupire