[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.calcio.juventus

Estate del '65

Luca

10/12/2017 17:51:33

Lui era un fuoriclasse. Inimitabile nelle finte, nei giochetti
funambolici in palleggio, nel dribbling stretto e rapido, nel tiro a
rete, nei pallonetti a volte beffardi. Poi arrivò alla Juve un
allenatore che lo voleva disciplinato. Che giocasse in aiuto dei
compagni, che tornasse, che lasciasse stare fantasia e genio per
mettersi al servizio della squadra. E lui se ne andò sbattendo la porta.
(scrisse una lettera di fuoco contro l'allenatore) Lui a quei tempi era
il più grande. Era Omar Sivori.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com...

3 Risposte

corrievai

11/12/2017 13:49:26

0

Il giorno lunedì 11 dicembre 2017 12:29:45 UTC+1, Luca ha scritto:
> Lui a quei tempi era
> il più grande. Era Omar Sivori.

se lo stai paragonando a Dybala, meglio che lasci perdere
Sivori era di un altro pianeta

--
FC

Korben Dallas

11/12/2017 21:39:36

0

Sembra che Luca abbia detto :
> Lui era un fuoriclasse. Inimitabile nelle finte, nei giochetti funambolici in
> palleggio, nel dribbling stretto e rapido, nel tiro a rete, nei pallonetti a
> volte beffardi. Poi arrivò alla Juve un allenatore che lo voleva
> disciplinato. Che giocasse in aiuto dei compagni, che tornasse, che lasciasse
> stare fantasia e genio per mettersi al servizio della squadra. E lui se ne
> andò sbattendo la porta.

.... e non vinse piu' una fava a differenza dell'allenatore che lo
voleva disciplinato

Luca

12/12/2017 14:56:45

0

Il 11/12/2017 22:39, Korben Dallas ha scritto:
> Sembra che Luca abbia detto :
>> Lui era un fuoriclasse. Inimitabile nelle finte, nei giochetti
>> funambolici in palleggio, nel dribbling stretto e rapido, nel tiro a
>> rete, nei pallonetti a volte beffardi. Poi arrivò alla Juve un
>> allenatore che lo voleva disciplinato. Che giocasse in aiuto dei
>> compagni, che tornasse, che lasciasse stare fantasia e genio per
>> mettersi al servizio della squadra. E lui se ne andò sbattendo la porta.
>
> ... e non vinse piu' una fava a differenza dell'allenatore che lo voleva
> disciplinato

Se parli dello scudetto 1966/1967 (l'unica cosa che ha vinto dopo)
lascia perdere. Perdere uno scudetto già vinto all'ultima giornata con
una neo promossa lo poteva fare solo l'Inter. (Avevo la radiolina
all'orecchio mentre Di Giacomo segnava a Sarti. Una goduria). Per il
resto fu proprio la piazza bianconera a farlo cacciare. Andò all'Inter e
dopo poco lo cacciarono anche lì (una vera rivolta). Lui e la sua
disciplina in campo.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com...