[lnkForumImage]
Download FREE Software.

Confronta i prezzi di migliaia di prodotti.
News Forum Italiano
 Home | Login | Registrati | Ricerca 


 

Forums >

it.sport.americani

[MLB] Commento a Baseball in the Garden of Eden

EBA

10/11/2011 20:35:37

Commento: Baseball in the garden of Eden
Dal mio blog ( http://hackeronte.bl... )

L’off-season e’ sicuramente un lungo e difficile momento per qualsiasi
appassionato di baseball. Come ogni momento ‘drammatico’, pur nei
giochi della vita, bisogna riuscire a rimbalzare sfruttando la
negativita’ al meglio in maniera da invertire la rotta al piu’ presto.
Sappiamo che ad aprile 2012 le partite ricominceranno. La prima
partita dei Rangers sara’ per l’appunto venerdi’ sei aprile contro i
White Sox. Ma cosa fare nel frattempo? Personalmente leggero’
parecchio e studiero’ un po’ di storia del baseball, in maniera da
ricordarmi che la primavera prima o poi arrivera’. Ieri ho finito la
lettura di “Baseball in the Garden of Eden” di John Thorn, lo storico
ufficiale della MLB. Per il prezzo piu’ che accettabile di $17.12 su
Amazon ($26.00 prezzo regolare) si ottengono oltre 350 pagine di puro
piacere storico-sportivo.

La domanda di fondo al libro e’ se e’ possibile risalire ad un
inventore del baseball o, almeno, alla prima partita mai giocata. In
realta’ l’autore ci fa una panoramica dell’America del XIX secolo e di
come certa mentalita’ abbia influenzato pesantemente il gioco fino
quasi a distruggerlo. Ovviamente viene dedicato ampio spazio alla
Commissione Mills, quella desiderata da Spalding in cui si stabili’
senza alcuna prova storica che l’inventore fu Abner Doubleday, l’eroe
americano. Se precedentemente si pensava che la Commissione scelse
Doubleday perche’ faceva comodo –nulla di meglio che un eroe di guerra
per pubblicizzare un gioco che doveva essere a tutti i costi americano
–il libro ci rivela ragioni abbastanza inquietanti e il ruolo cui la
Theosophist Society, una setta religiosa che diede poi inizio alle
altre varie sette religiose americane, prese una parte fondamentale.

Thorn ci spiega subito che e’ impossibile risalire ad un inventore,
ne’ Doubleday ne’ Cartwright dei Knickerbockers possono ottenere il
trono storico e nessuno dei due merita allori per un’invenzione che di
fatto non hanno mai realizzato. Per capire quindi il senso della
Commissione Mills, l’autore ci spiega accuratamente che il baseball
del XIX secolo dopo aver preso piede divenne immediatamente corrotto
da scommettitori, sfruttatori, lavoratori, razzisti e quant’altro di
peggio ci fosse nella societa’. L’immagine che si fa dei proprietari
e’ proprio quella dello schiavista senza scrupolo disposto a qualsiasi
cosa pur di guadagnare, incluso il famoso “gentlemen agreement”
secondo cui una persona di colore non poteva giocare in una squadra di
professionisti. Curiosamente, Thorn ci spiega che per “nero” si
intendeva tendenzialmente un cittadino americano: portoricani e simili
erano ammessi, quindi forse non era semplicemente una questione di
colore della pelle. Da dove deriva quindi il mito di Doubleday? E’
difficile spiegarlo, non rimane che leggere il libro, la questione e’
infatti intricatissima e coinvolge numerose persone nell’arco di
diversi decenni in cui una volta dimenticata la voglia del gioco puro
la pieta’ umana venne lasciata da parte. “Baseball in the Garden of
Eden” e’ abbastanza complesso, pieno di dati, nomi ed informazioni.
Ricoprire quel periodo in un solo volume e’ di fatto impossibile ma
Thorn fa un lavoro piu’ che ottimale.

Una nota importante: il testo pubblica diversi documenti originali mai
pubblicati in precedenza e scoperti dall’autore stesso. Decisamente
consigliato.

1 Risposta

(Gino Grandi)

14/11/2011 10:03:14

0

L?off-season e? sicuramente un lungo e difficile momento per qualsiasi
appassionato di baseball. Come ogni momento ?drammatico?, pur nei
giochi della vita, bisogna riuscire a rimbalzare sfruttando la
negativita? al meglio in maniera da invertire la rotta al piu? presto.
-------------------------------------------------------
Come non quotarti, visto che senza baseball non riesco a far dormire il pupo
davanti la TV?
Si prospetta una lunghissima offseason...

Saluti

Gino